AddThis Social Bookmark Button
Visitatori ...
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi3246
mod_vvisit_counterIeri2897
mod_vvisit_counterQuesti 7 gg.9450
mod_vvisit_counterScorsi 7 gg.25871
mod_vvisit_counterQuesto mese77580
mod_vvisit_counterScorso mese133009
mod_vvisit_counterDal 01/04/20103231509

Online : 70
Il tuo IP: 54.234.13.175
,
21-11-2018
TNG News ...
Giornate Promo
Prossima Giornata Promozionale "Monge" 26 Ottobre 2018
Che tempo fa?
Click per aprire http://www.ilmeteo.it
Traduci
English Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch Finnish French German Greek Hindi Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Catalan Hebrew Slovak Ukrainian Albanian Turkish
Home Angolo dei Consigli Cose da fare Le malattie delle piante Marciume del colletto

PostHeaderIcon Marciume del colletto

Marciume del colletto

Caratteristiche

I marciumi del colletto interessano le piante nella loro parte basale, in genere nel punto di inserzione del fusto o delle ramificazioni sull'apparato radicale. A livello del terriccio si forma un marciume bruno, a volte rossastro, che prima colpisce una sola parte e che successivamente si estende all'intero colletto e alle radici appena sottostanti. Le piante avvizziscono rapidamente e si spezzano nel punto di attacco degli organismi patogeni. Condizioni ambientali caldo-umide favoriscono il diffondersi della malattia. Tra i diversi funghi responsabili del marciume del colletto si ricordano quelli appartenenti ai generi: Phytophtora, Rhizoctonia, Sclerotinia, Thielaviopsis e Pythium. In particolare Pythium debaryanum, conosciuto come marciume delle piantine dei semenzai, attacca al colletto le giovani piante nella loro prima fase di sviluppo e distrugge interi semenzai in pochi giorni. La prima cosa da fare per combattere i marciumi (sia radicali sia del colletto) è utilizzare del terriccio nuovo cambiando nel contempo anche vasi e contenitori. La seconda è una corretta annaffiatura. Se nonostante queste precauzioni si dovesse verificare comunque un attacco fungino, occorre utilizzare gli appositi fungicidi che si trovano in commercio. I prodotti vanno nebulizzati sul colletto.

 

 
Banner