AddThis Social Bookmark Button
Visitatori ...
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi1889
mod_vvisit_counterIeri4067
mod_vvisit_counterQuesti 7 gg.22441
mod_vvisit_counterScorsi 7 gg.25599
mod_vvisit_counterQuesto mese75831
mod_vvisit_counterScorso mese86311
mod_vvisit_counterDal 01/04/20102761499

Online : 49
Il tuo IP: 54.224.60.122
,
21-07-2018
TNG News ...
Giornate Promo
Prossima Giornata Promozionale 27 Luglio "Royal Canin" 2018
Che tempo fa?
Click per aprire http://www.ilmeteo.it
Traduci
English Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch Finnish French German Greek Hindi Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Catalan Hebrew Slovak Ukrainian Albanian Turkish
Home Angolo dei Consigli Il Fattore

PostHeaderIcon I consigli del Fattore

PostHeaderIcon orto di luglio-agosto

 

Orto di luglio e agosto

Luglio e agosto sono mesi di attività molto intensa nell’orto ed è necessario intervenire di continuo per attuare i molteplici lavori indispensabili per seguire le colture in atto, oppure per proseguire o iniziare la coltivazione di quelle che si raccoglieranno nell’autunno-inverno.
Effettuati i classici lavori di maggio-giugno, vediamo nel dettaglio interventi e lavori da effettuare nell'orto nei mesi di luglio e agosto.

Ortaggi

Uno degli interventi più impegnativi è l’irrigazione perché in genere in questo periodo le piogge possono essere scarse e/o mal distribuite. Date quindi acqua con regolarità perché le piante non soffrano la siccità e non si alternino periodi in cui il terreno sia prima troppo asciutto e poi eccessivamente bagnato. Quindi, in linea di massima, non eccedete con le quantità impiegate preferendo invece interventi più ravvicinati, ma con limitati volumi d’acqua. Un modo indiretto per risparmiare acqua è quello di eliminare il più presto possibile le piante infestanti dato che sottraggono, almeno in parte, quella destinata alle colture.
Effettuate perciò con tempestività i lavori di diserbo e adottate in tutte le colture in cui è possibile la pacciamatura con teli plastici scuri o con gli appositi fogli di carta degradabile nel terreno oppure con paglia. Diverse colture autunno-invernali, come indivia riccia, scarola, lattuga a cappuccio, radicchio da cespo (soprattutto chioggiotto), e volendo anche cavoli, possono beneficiare della pacciamatura, specialmente con teli plastici. È da ricordare che sono disponibili, anche in piccole quantità, teli di materiale plastico derivati da amido di mais che risultano completamente degradabili nel terreno. La loro durata va da uno a tre-quattro mesi (fino a sei mesi a seconda dello spessore). Va comunque sottolineato che in diverse zone d’Italia non è facile disporre di acqua in abbondanza per irrigare l’orto e perciò non vi è la possibilità che vi siano sprechi o eccessi irrigui. Invece in altre aree geografi che la disponibilità d’acqua consente di irrigare senza particolari problemi di limitazioni. In questi casi è necessario che non eccediate con gli apporti perché si potrebbero verificare seri inconvenienti come aumento delle malattie causate da funghi microscopici, spaccatura dei frutti, prodotti di qualità poco soddisfacente. Diversi utenti possono aver notato che problemi del genere talvolta sorgono quando si verifica un temporale con forti precipitazioni specialmente se preceduto da un periodo siccitoso.
Ecco quindi la necessità che irrighiate con moderazione, intervenendo più volte con limitate quantità d’acqua. Il terreno deve assorbire bene l’acqua, bisogna evitare che questa scorra in superficie (impedendo quindi il ruscellamento) e non si devono neppure formare ristagni nelle aiuole. Adottando la pacciamatura e le manichette per l’irrigazione, si ottengono nello stesso tempo diversi risultati: si risparmia acqua, la quale viene distribuita con maggiore regolarità, si evita di bagnare la parte aerea della pianta (foglie, fiori, frutti) impedendo o limitando lo sviluppo di malattie causate da funghi microscopici e si ottengono prodotti puliti perché non sono a diretto contatto con il terreno.
In luglio e agosto poi la luce del sole è particolarmente forte, ma le piante orticole, per crescere nel migliore dei modi e fornire prodotti sicuri per la nostra alimentazione, non devono venire coltivate in terreni ombreggiati e solo raramente abbisognano di forme di riparo dalla luce intensa. Uno degli accorgimenti migliori per ovviare ai danni del caldo è quello di eseguire costanti irrigazioni pur, come detto, senza esagerare nelle quantità d’acqua impiegate. Evitate comunque di intervenire nelle ore più calde della giornata e irrigate per infiltrazione laterale dentro solchi e/o a mezzo di manichette forate. L’impiego di manichette forate è diffuso da molti anni, tuttavia per numerosi piccoli orticoltori può rappresentare una tecnica nuova d’irrigazione.
Tali sistemi riducono o eliminano la possibilità che si verifichino scottature sulla parte aerea della pianta (foglie, fiori, frutti) perché, di solito, questa non viene bagnata. Nelle località molto soleggiate quando si scelgono le varietà da coltivare bisogna, se possibile (ad esempio per il peperone e il cavolfiore), adottare quelle con fogliame che protegge i frutti, o le altre parti che interessano il consumo, dai raggi troppo intensi; queste varietà sono di regola segnalate nei cataloghi delle ditte produttrici. Sempre in zone con elevata luminosità è consigliabile che ripariate i seminati (cioè i semenzai se vengono ancora attuati oppure i contenitori dove avete eseguito la semina) nelle prime fasi di coltivazione. Nei semenzai potete impiegare delle stuoie, delle arelle o delle reti ombreggianti. Arelle o stuoie si trovano ancora con facilità, ma le reti ombreggianti sono più pratiche e, in genere, meno costose. Collocate arelle, stuoie o rete direttamente sulle aiuole, tenendole sollevate dal terreno circa 30 centimetri, a mezzo di una semplice struttura costituita da assicelle di legno. Soprattutto se producete piantine con il pane di terra, ma non solo, per sostenere la rete ombreggiante sotto cui collocare i contenitori impiegate le stesse strutture (archetti) che servono per sorreggere i teli plastici dei tunnel. Toglierete in seguito i ripari con gradualità per non provocare ustioni alle piante: terrete cioè tali ripari sulle aiuole per un numero di ore sempre minore (ad esempio solo quelle centrali del giorno) fino a toglierli del tutto, magari in una giornata con il cielo un po’ nuvoloso. Problemi per la nascita delle piantine si possono verificare nella semina delle lattughe (a cappuccio e romana estive, brasiliana estiva) che hanno difficoltà di germinazione già sopra i 20° C. Controllate di continuo e se necessario rinforzate i sostegni a tutti gli ortaggi che abbisognano di essere sorretti (fagioli e fagiolini rampicanti, cetrioli, pomodori, ecc.) specialmente quando la vegetazione si sposta verso la parte alta dei tutori e aumenta il pericolo che il vento li rovesci o li spezzi.
Oltre a ciò, continuate a legare ai sostegni i vari ortaggi anche quando la vegetazione tende a rallentare (agosto). In luglio e agosto procedete inoltre alla semina e/o al trapianto di molti ortaggi che raccoglierete nell’autunno-inverno. Per i trapianti adoperate, se possibile, piante con il pane di terra. Non ritardate la messa a dimora di queste colture (come ad esempio i cavoli) perché, specialmente le varietà tardive, non riuscirebbero a completare il proprio sviluppo prima del sopraggiungere dell’inverno (pianura padana e zone fredde del centro-sud). Quando poi nella seconda metà di agosto cominciano in genere, almeno in pianura padana, a diminuire le temperature, potete iniziare la semina di ortaggi come lattughe e cicorie da taglio, ravanelli, rucola, spinaci e, volendo, pure la valerianella. In questi due mesi si eseguono abbondanti raccolti e la gamma degli ortaggi che l’orto può fornire è veramente ampia. Sovente la produzione è molto generosa e risulta impossibile consumare tutto quello che viene raccolto.
Dedicate quindi parte del tempo disponibile alla conservazione di molti prodotti orticoli come pomodori, peperoni, melanzane, cetriolini, cipolline e vari altri. La presenza sempre maggiore di congelatori nelle case ha ampliato la possibilità di conservare molti prodotti dell’orto e di usufruirne anche quando la stagione calda è solo un ricordo. I lavori di preparazione degli ortaggi e la conservazione stessa richiedono pazienza, attenzione, un minimo di organizzazione e di programmazione, anche se per molti costituiscono un piacevole passatempo.

 

 

 

Luglio

 

con la luna nuova: Seminare a dimora radicchio e spinaci estivi

con la luna crescente: raccogliete pomodori, melanzane, peperoni, finocchi, zucchine, cetrioli, lattughe, soia, mais; seminare agretto, bietola, rapa, ravanello, rucola e zucchini. Seminare a dimora rape, piselli tardivi, fagioli e fagiolini.

con la luna piena: pulire e sistemare attrezzature e spazi di servizio; potare gli alberi da frutto; innestare ciliegi e pruni.

con luna calante: raccogliete ravanelli, carote, cipolle, albicocche, pesche, susine, pere, mele. Preparare il terreno per gli impianti autunnali.

Seminare direttamente in piena terra.

Barbabietole da orto, Biete, Carote, Cicorie e Radicchi, Cipolle precoci, Indivie, Fagioli, Finocchi, Lattughe, Piselli tardivi, Prezzemolo, Ramolacci, Rape estive, Rucola, Scarole, Zucchini.

Trapiantare: Sedani.

 

Agosto

                                        Seminare direttamente in piena terra.

 

basilico, biete, carote, cetrioli, cicoria, finocchi, indivia, scarola, lattuga, porri, prezzemolo, ravanelli, rape, cime di rapa, valeriana, spinaci, zucchini, fagiolini.

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento (Martedì 11 Febbraio 2014 22:07)

 

PostHeaderIcon Calendario delle semine

 

 

Il Calendario delle Semine

Seppure, come ogni attività da svolgersi sul terreno, molto dipenda dalla dislocazione geografica dell'appezzamento, ecco un calendario di massima delle semine:

 

Ultimo aggiornamento (Martedì 11 Febbraio 2014 22:06)

 
Altri articoli...
Banner