AddThis Social Bookmark Button
Visitatori ...
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi3282
mod_vvisit_counterIeri3477
mod_vvisit_counterQuesti 7 gg.13389
mod_vvisit_counterScorsi 7 gg.23363
mod_vvisit_counterQuesto mese54464
mod_vvisit_counterScorso mese112390
mod_vvisit_counterDal 01/04/20102855603

Online : 45
Il tuo IP: 54.92.174.226
,
16-08-2018
TNG News ...
Giornate Promo
Prossima Giornata Promozionale "Monge" 7 Settembre 2018
Che tempo fa?
Click per aprire http://www.ilmeteo.it
Traduci
English Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch Finnish French German Greek Hindi Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Catalan Hebrew Slovak Ukrainian Albanian Turkish
Home Prodotti Cani Antiparassitari Scalibor Offerte speciali Cani Antiparassitari cani Scalibor Collare antiparassitario Scalibor taglia grande

PostHeaderIcon Scalibor

Collare antiparassitario Scalibor taglia grande
Prezzo € 26,00

Collare antiparassitarioScalibor taglia grande 65 cm.

pricipio attivo 1 g di deltametrina; alti componenti: ossido di titanio quale colorante ed eccipienti q.b. a 25 g.

Indicazioni:

Infestazioni da parassiti sensibili alla deltametrina. Prevenzione delle infestazioni da zecche per 6 mesi, prevenzioni delle infestazioni da pulci per 4 mesi, prevenzioni della puntura della zanzara (culex pipiens pipiens) per un periodo di 6 mesi. per ottenere una protezione completa nei confronti di zecche, pulci, flebotomi e zanzare, si consiglia di sostituire Scalibor dopo 4 mesi dalla prima applicazione, mantenendo il collare costantemente indossato da aprile ad ottobre. Il collare deve essere applicato ai cani almeno 1 settimana prima dell'ntroduzione dei soggetti in ambienti infestati.

INFEZIONE IN ESPANSIONE. La Leishmaniosi è una grave malattia zoonotica, trasmessa al cane dalla puntura di un insetto, il flebotomo o pappatacio. "Anno dopo anno - afferma Luigi Gradoni, del dipartimento di Malattie infettive, parassitarie e immunomediate dell'Istituto superiore di sanità - si sta espandendo dai territori tradizionalmente endemici all'Italia centrale, verso le aree collinari e pedemontane interne di Toscana, Umbria e Marche, ma anche verso il Nord Italia, che prima non era considerato endemico per questa malattia. Secondo l'analisi degli accertamenti condotti negli ultimi 6 anni dagli Istituti Zooprofilattici, dalle Università e dall'Iss su oltre 500.000 campioni sierologici sono 169 i comuni riscontrati positivi in Piemonte e Valle d'Aosta, 29 in Lombardia e 79 tra Veneto, Trentino e Friuli-Venezia Giulia". In Italia, dove una famiglia su 4 possiede un cane, la presenza di Leishmaniosi canina endemica è accertata in oltre 2.600 comuni italiani, pari al 32,4% del totale".

PREVENZIONE. Per i padroni dei cani la raccomandazione fondamentale, sottolinea Michele Maroli dell'Istituto Superiore di Sanità, "è quella di utilizzare prodotti, a base di deltametrina o permetrina (collare o spot-on), due piretroidi che hanno dimostrato, attraverso un'ampia sperimentazione di laboratorio e di campo, un'elevata efficacia nel prevenire le punture dei pappataci".

I RISCHI PER L'UOMO. Questa malattia può anche trasmettersi all'uomo: più di 350 milioni di persone al mondo sono considerate a rischio e si contano più di 2 milioni di casi, tanto che nel 2010 l'OMS ha rivisto le Linee Guida, adeguandole all'aumentata prevalenza della malattia. In Italia sono attualmente un centinaio i casi diagnosticati ogni anno.

 

Nella cartina le zone più colpite

Banner